dove siamo

DOVE SIAMO
Sabato, 16 Dicembre 2017

Share This

Seguici

La corona francescana

Fin dall'inizio della loro storia i cristiani hanno continuato la tradizione ebraica di recitare e cantare i 150 salmi della Bibbia, come parte del loro impegno quotidiano di preghiera. Tuttavia, nel Medioevo, una popolazione formata largamente da persone analfabete non era più in grado di ricordare a memoria o recitare in latino quei medesimi salmi. Perciò all'inizio del XIII secolo fu introdotta una meditazione biblica, adatta a quelle persone che desideravano partecipare alla santificazione della vita quotidiana mediante una serie di preghiere.

Quello che fu poi conosciuto come il rosario, consisteva nella recitazione di avemarie e di paternostri, che venivano contati sui 150 grani di una corona. I misteri del Nuovo Testamento erano meditati nello “specchio” dei 150 salmi dell'Antico Testamento. La storia della salvezza, quindi, permeava questo semplice metodo di preghiera. La ripetizione permetteva una respirazione ritmica, guidando chi partecipava a entrare nella pace e nella calma.

Alla fine il rosario divenne la forma preferita di devozione personale, molto diffusa in una larga schiera di persone, anche tra laici colti e religiosi. Il nome rosario deriva da “rosa”, un fiore carico di profondo simbolismo. Uno dei titoli spirituali dati alla Vergine Maria è quello di rosa mistica e si riferisce al suo grembo come a un fiore da cui si sviluppa Cristo Salvatore.  Lungo i secoli l'Ordine domenicano ha esercitato un grande influsso nel promuovere il rosario nella forma in cui lo conosciamo oggi. 

Il rosario francescano, o più esattamente la “corona francescana”, risale agli inizi del secolo XV. In quel tempo un giovane, che provava grande gioia spirituale nell'intrecciare corone di fiori selvatici per una bellissima statua della Madonna, decise di entrare nell'Ordine francescano. Dopo essere entrato nella comunità, però, fu preso da tristezza, perché non aveva più il tempo di raccogliere fiori per la sua devozione personale. Una sera, mentre si sentiva tentato di abbandonare la sua vocazione, ricevette una visione della Vergine Maria.

La Madonna incoraggiò il giovane novizio a perseverare, ricordandogli la letizia dello spirito francescano e gli insegnò a meditare ogni giorno sette avvenimenti gaudiosi della sua vita come una nuova forma di rosario. Invece di una corona di fiori, il novizio avrebbe potuto adesso intrecciare una corona di preghiere. 

In poco tempo molti altri francescani cominciarono a pregare la corona e velocemente questa pratica si diffuse in tutto l'Ordine, diventando ufficialmente riconosciuta nel 1422. Nella Corona francescana ogni decina mette in risalto una delle gioie di Maria e comincia con un Padre nostro, seguito da dieci Ave Maria.


O Dio, vieni a salvarmi. Signore, vieni presto in mio aiuto. Gloria al Padre...

Gesù mio, perdona le nostre colpe, preservaci dal fuoco dell'inferno, porta in cielo tutte le anime specialmente le più bisognose della tua misericordia.

1. Ci rallegriamo con Te, o Maria, Vergine Immacolata, per l'allegrezza che t'inondò il cuore quando, dopo l'annuncio dell'angelo Gabriele, il Verbo di Dio per opera dello Spirito Santo s'incarnò nel tuo purissimo seno, e si realizzò il disegno eterno a cui eri stata predestinata insieme con il Figlio prima della creazione del mondo. Pater, 10 Ave, Gloria

2. Ci rallegriamo con Te, o Maria, piena di grazia, per la consolazione che hai provato nella visita alla cugina Elisabetta, quando essa, dopo aver udito il tuo saluto, divenne profetessa e ti riconobbe vera "Madre di Dio", e Giovanni, ancora nel grembo, veniva riempito del dono dello Spirito Santo. Pater, 10 Ave, Gloria

3. Ci rallegriamo con Te, o Maria, Tuttasanta, per quel gaudio inesprimibile che hai provato a Betlemme, quando serbando illibato il giglio della tua verginità, partoristi senza dolore il tuo divin figlio Gesù, che era venuto a portare la pace e la redenzione al mondo, e lo vedesti adorato dai pastori. Pater, 10 Ave, Gloria

4. Ci rallegriamo con Te, o Maria, regina della pace, per la somma letizia che sperimentò il tuo cuore, quando vedesti i Re Magi venire riverenti da terre lontane a prostarsi davanti al tuo divin figlio Gesù, e adorarlo come vero uomoDio, Redentore del mondo, e vedendo tu in loro l'omaggio di tutti i popoli. Pater, 10 Ave, Gloria

5. Ci rallegriamo con Te, o Maria, via di salvezza, per il giubilo che provò il tuo cuore amoroso, quando cercato per tre giorni lo smarrito Gesù, lo trovasti nel tempio fra i dottori, che già spandeva i raggi della sua infinita sapienza a quanti lo cercano con cuore sincero. Pater, 10 Ave, Gloria

6. Ci rallegriamo con Te, o Maria, madre della vita, per quella gioia che ti riempì il cuore quando vedesti il tuo figlio risorto da morte il giorno di pasqua. Pater, 10 Ave, Gloria 

7. Ci rallegriamo con Te, o Maria, porta del cielo, per l'esultanza del tuo cuore quando, dopo la morte, il Dio ti fece risorgere e fosti condotta in cielo, in anima e corpo, per regnare accanto al Figlio quale mediatrice di grazia e nostra avvocata. Pater, 10 Ave, Gloria

Dopo il Salve Regina si aggiungono poi altre 2 Ave Maria in memoria dei 72 anni cui sarebbe vissuta la Vergine, e un Padre Nostro, un'Ave Maria e un Gloria per le intenzioni del Sommo Pontefice.


 

Articoli recenti

  Il Vangelo, mentre ci trasmette l'evento della salvezza, la inizia e la continua in ognuno di noi. C'è bisogno che questa notizia continui a risuonare nel mondo.

  Al cuore del tempo di Avvento celebriamo oggi la festa che ricorda l’inizio della vita di colei che sarebbe diventata «la madre del Signore».

  Tutta la nostra vita è un'attesa. Quando non aspettiamo più nessuno, quando il domani sembra non esserci più, iniziamo un po' a morire.

  L’Ordine Francescano è stato in ogni tempo focolare di santità. Si tratta di una grande folla proveniente da tutti i ceti sociali e da ogni popolo. Vi sono martiri, dottori, sacerdoti, fratelli r...

  La festa di Cristo Re risponde alla più universale delle speranze umane. Ci assicura che l'ingiustizia e il male non avranno l'ultima parola.

More Articles

Articoli recenti


  Al cuore del tempo di Avvento celebriamo oggi la festa che ricorda l’inizio della vita di colei che sarebbe diventata «la madre del ...
Leggi
  Il Vangelo, mentre ci trasmette l'evento della salvezza, la inizia e la continua in ognuno di noi. C'è bisogno che questa notizia continui a ...
Leggi
  Due coppie di sposi ci condividono l'esperienza vissuta al corso Nazareth e le grazie in esso ricevute dal Signore. Siamo Piera e ...
Leggi
  Nel confronto con l’esperienza spirituale del patriarca Giacobbe e grazie ai vari interventi e confronti che si sono succeduti, i ...
Leggi
  Chiara ci racconta la sua personale esperienza di Dio al corso Nuova Vita. Spesso quando provi a raccontare qualcosa che è accaduto ...
Leggi
  Se aveste la possibilità di dire qualcosa ai vescovi, cosa direste? A queste domande molti dei ragazzi intervistati hanno risposto di no, ma ...
Leggi
  I partecipanti al primo corso Alpha Giovani di Enna hanno vissuto ieri una giornata di fraternità. Ecco le loro impressioni. I ...
Leggi
  Siamo tanto grati per gli strumenti che ci sono stati donati al corso "Se ne prese cura" che ci aiuteranno a vivere in profondità il tempo ...
Leggi
  Il corso Aquila e Priscilla ha costituito per noi un capovolgimento totale della nostra visione sul cammino cristiano, sia individualmente sia, ...
Leggi
  Una risposta di Dio alla disfunzione in cui è venuta a trovarsi la vita cristiana. Il Signore si è preoccupato, prima ancora della Chiesa, di ...
Leggi
  Si terrà a Pergusa dall'1 al 3 Dicembre il Corso Emmaus, proseguo naturale e necessario del Corso Nuova Vita. Se hai vissuto il Corso ...
Leggi
KERYGMA è...annunciare Gesù con il canto! La worship-band KERYGMA nasce nel 2015 con il nome di JUBand-MGFSicilia come costola del Gruppo ...
Leggi

Mailing List

About us

MGF SICILIA
Convento S. Maria della Dayna
Salita San Francesco, snc
90035 Marineo (Pa) - Italy

 Tel/Fax: +39 091 8725133
Telegram: t.me/segreteria_mgfsicilia
E.mail: segreteria@mgfsicilia.org

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.