dove siamo

DOVE SIAMO
Mercoledì, 23 Agosto 2017

Share This

Seguici

Chiamati a realizzare un capolavoro

Nella frenesia dei giorni dove sembra che il tempo non basti mai per la coppia, tra lo studio, gli amici, l’evangelizzazione e i vari impegni, si dimentica facilmente chi è il proprio più prossimo. Ma Lui che vede tutto e si prende cura dei suoi figli, viene in aiuto e manda un’opportunità: il corso “Se ne prese cura”.

In prossimità della partenza, lei si sentiva inspiegabilmente emozionata mentre lui era contento che finalmente avessero un po’ di tempo solo per loro. Non avevano idea della grazia che stavano per ricevere!

Non appena sono arrivati, con tanta delicatezza Dio li ha presi per mano e gli ha fatto da guida per condurli nella profondità di un giardino: il loro cuore. Che sorpresa quando i loro occhi si sono aperti nel riconoscere che l’uno era per l’altro una rosa donata da Dio per prendersene cura e ciò che rendeva speciale quella rosa era il tempo donatogli. Proprio quel tempo che non è mai “abbastanza” per ciò che è essenziale.

Subito Dio cominciò a ricordargli come aveva fatto iniziare questo loro viaggio del fidanzamento, facendo rivivere quella scintilla da cui era nato tutto. Li portò a guardarsi l’uno negli occhi dell’altro, a ricordare quel particolare di Bellezza in loro che li ha portati ad avvicinarsi e conoscersi durante le lunghe passeggiate invernali dove si cercava di sorprendersi vicendevolmente. Quella capacità di stupirsi di cui bisogna fare tesoro!

La gioia fu nel prendere piena consapevolezza di quanto Lui si era fatto strumento di entrambi per fasciare le ferite di ognuno dei due. Solo Lui poteva dargli il coraggio di mettersi a “nudo”, di uscire fuori i pesi che si portavano, le ferite del passato, di raccontarsi senza alcuna maschera. Solo Lui aveva potuto mettere nel loro cuore la compassione per l’altro e dargli la forza nel farsi vicino e non scappare di fronte alle loro ferite putride, nel portare quei pesi insieme. Il senso di gratitudine cresceva sempre più in loro, perché erano consapevoli che essi non ne erano capaci (nelle relazioni passate avevano fatto solo disastri) ma solo per Grazia avevano messo in pratica le “regole” di quella che è l’arte dell’Amore, dato che avevano lasciato che Dio camminasse con loro in quel tempo di crescita che è il fidanzamento.

Eppure, Dio gli stava dicendo che dovevano fare più attenzione, perché un buon fidanzamento non significa solo astenersi dai rapporti sessuali ma è molto di più, e pertanto come dei docili apprendisti dovevano porsi alla sua scuola dell’Amore per fare di quel fidanzamento un capolavoro da cui potrà nascere, se è la Sua volontà, la basilica del loro matrimonio, un po’ come la Porziuncola dentro Santa Maria degli Angeli!

Facendo verità sono andati a vedere le volte che stavano rischiando di rovinare quel capolavoro che Dio gli aveva affidato. Quelle volte dove si sono dimenticati che l’uno è il più prossimo dell’altro, quella rosa di cui si è responsabili, senza abbattersi ma confidando nella misericordia di Dio che fa rinascere anche ciò che era ormai morto. Sembrava di vivere un memoriale, di tornare indietro di qualche anno quando era nato tutto ed entrambi si sono trovati per la prima volta con gli stessi occhi davanti a Gesù: lui teneva la mano a lei, che era in lacrime come la peccatrice che bagnava i piedi di Gesù e li asciugava con i capelli per l’infinita misericordia ricevuta; questa volta nuovamente lui teneva tra le braccia lei in lacrime che era come Maria, la sorella di Marta, che stava ai piedi di Gesù ad ascoltarlo, quando cosparse i suoi piedi con un profumo prezioso e li asciugò con i capelli come segno di tanta gratitudine. Quel 2 aprile hanno deciso di impegnarsi con ancora più attenzione a ricostruire la verginità del loro cuore, per vivere il fidanzamento come tempo di crescita nella conoscenza reciproca, nella stima profonda e nell’amore casto e sincero, alimentato dalla preghiera e dall’ascolta della Parola di Dio insieme.

 


GUARDA LE FOTO DEL CORSO "SE NE PRESE CURA" 2017


 

Questa esperienza ha dato un senso al nostro fidanzamento, che facilmente diamo per scontato pensando che il fine è il matrimonio piuttosto che fare verità. Siamo tanto grati degli infiniti strumenti che ci sono stati donati per poterci godere questo tempo nel farne una meravigliosa opera d’arte, dove ciò che incanta è la carezza della mano di Dio. Inoltre, il rito del fidanzamento ha finalmente assunto un senso e ora che abbiamo consapevolezza di quello che andremo a dire, attendiamo con gioia l’1 maggio per ricevere questa benedizione di Dio, affinché ciò che viene ben cominciato abbia a suo tempo felicemente il suo compimento (Rituale romano 608). È indispensabile la grazia di Dio per fare un buon capolavoro, perché solo amando Lui con tutto il nostro cuore, con tutta la nostra anima, la nostra forza e la nostra mente, potremo Amarci donando insieme la nostra vita a Lui!

Ci sentiamo di dire solo una cosa alle coppie che purtroppo non hanno potuto partecipare: dialogate come se ci fosse Gesù tra voi, face to face e non lasciate silenzi; per il resto fatevi questo corso non appena ne avrete la possibilità! Ne vale un buon fidanzamento e un futuro matrimonio, non facile ma felice!

Benediciamo il Signore che ci corregge come un Padre buono e ci indica la via da seguire per essere eternamente felici! Lo ringraziamo per i santi che ci ha fatto incontrare, nonché le coppie di sposi e Fra Saverio che ci hanno fatto toccare con mano l’amore materno della nostra Chiesa che ci educa all’Amore vero!

Dario e Sibilla

 

Articoli recenti

  Ritardando nell’esaudire, Dio fa sì che il nostro desiderio cresca, che l’oggetto della nostra preghiera si elevi.

  Lo specifico del cristianesimo è la speranza della resurrezione, la certezza che la morte non ha l’ultima parola sulle vicende degli uomini e della creazione intera.

  Gesù non è lontano e assente, si può sempre contare su di lui.

  La trasfigurazione è un alzare il velo su Gesù in modo che il discepolo conosca l’identità più autentica del suo Signore e lo segua con maggior consapevolezza.

  Ogni anno, dalle 12.00 dell’1 agosto alla mezzanotte del 2 agosto, in tutte le chiese francescane e in tutte le chiese cattedrali e parrocchiali si può ottenere l’indulgenza plenaria detta “Perdo...

More Articles

Articoli recenti


  Lo specifico del cristianesimo è la speranza della resurrezione, la certezza che la morte non ha l’ultima parola sulle vicende degli uomini ...
Leggi
Ogni anno i giovani francescani del Progetto Discepoli - adolescenti, giovani, giovani-adulti - si ritrovano insieme per una giornata di incontro, ...
Leggi
  Ogni anno, dalle 12.00 dell’1 agosto alla mezzanotte del 2 agosto, in tutte le chiese francescane e in tutte le chiese cattedrali e ...
Leggi
  Ritardando nell’esaudire, Dio fa sì che il nostro desiderio cresca, che l’oggetto della nostra preghiera si elevi. Dal Vangelo ...
Leggi
  Due coppie di sposi ci condividono l'esperienza vissuta al corso Nazareth e le grazie in esso ricevute dal Signore. Siamo Piera e ...
Leggi
  Nel confronto con l’esperienza spirituale del patriarca Giacobbe e grazie ai vari interventi e confronti che si sono succeduti, i ...
Leggi
  Chiara ci racconta la sua personale esperienza di Dio al corso Nuova Vita. Spesso quando provi a raccontare qualcosa che è accaduto ...
Leggi
  Presso Dio non vi è preferenza di persone e lo Spirito Santo, ministro generale dell’Ordine, si posa egualmente sul povero e il ...
Leggi
  Se aveste la possibilità di dire qualcosa ai vescovi, cosa direste? A queste domande molti dei ragazzi intervistati hanno risposto di no, ma ...
Leggi
  I partecipanti al primo corso Alpha Giovani di Enna hanno vissuto ieri una giornata di fraternità. Ecco le loro impressioni. I ...
Leggi
  Siamo tanto grati per gli strumenti che ci sono stati donati al corso "Se ne prese cura" che ci aiuteranno a vivere in profondità il tempo ...
Leggi
  Recita la corona francescana delle sette gioie per chiedere la potente intercessione della Madonna. Fin dall'inizio della loro storia i ...
Leggi

Mailing List

About us

MGF SICILIA
Convento S. Maria della Dayna
Salita San Francesco, snc
90035 Marineo (Pa) - Italy

 Tel/Fax: +39 091 8725133
Telegram: t.me/segreteria_mgfsicilia
E.mail: segreteria@mgfsicilia.org

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.