Le parole di questa Domenica sono un monito a vivere con consapevolezza ogni giorno la nostra vita cristiana.

Dal Vangelo secondo Luca (12,49-63)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso! Ho un battesimo nel quale sarò battezzato, e come sono angosciato finché non sia compiuto!
Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra? No, io vi dico, ma divisione. D’ora innanzi, se in una famiglia vi sono cinque persone, saranno divisi tre contro due e due contro tre; si divideranno padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera».

Il brano evangelico di questa domenica ci riporta alcune parole di Gesù, che fanno luce sulla sua persona e pongono esigenze fondamentali a noi suoi discepoli.

Gesù afferma innanzitutto di essere venuto a portare il fuoco sulla terra, un fuoco che egli vorrebbe vedere divampare. Vi è un altro splendido detto di Gesù, tramandato dai padri della chiesa: «Chi è vicino a me è vicino al fuoco, chi è lontano da me è lontano dal Regno»? Lungo tutta la sua vita Gesù ha cercato di accendere sulla terra il fuoco del Regno di Dio, e lo ha fatto ardendo egli stesso della sua passione d’amore per Dio e per gli uomini suoi fratelli: egli avrebbe voluto immergere tutti nel fuoco dello Spirito santo, il fuoco del suo amore (cf. Lc 3,16)… Ed è questo stesso fuoco che ha finito per consumarlo, per condurlo cioè a una morte emblematica, frutto di una vita spesa e donata fino alla fine, fino al punto estremo.

È proprio la prospettiva della morte violenta quella che Gesù evoca mediante l’immagine del battesimo, dell’immersione: «C’è un battesimo che devo ricevere, e come sono angosciato finché non sia compiuto!». Gesù comprendeva che in un mondo ingiusto il suo vivere come giusto poteva solo condurlo a essere perseguitato (cf. Sap 2), a essere immerso nell’ingiusta sofferenza e nella morte violenta (cf. Sal 69,3.15; Is 43,2), come avverrà nell’ora della passione, un’ora da lui accolta nella libertà e per amore. Alla sua sequela anche i suoi discepoli nel corso della storia conosceranno quest’ora, come egli ha loro preannunciato (cf. Mc 10,38): essi non dovranno stupirsi dell’incendio di persecuzione che si accenderà contro di loro, ma anzi dovranno rallegrarsene, certi di partecipare in questo modo alla stessa sorte del loro Signore (cf. 1Pt 4,12-16).

Se questa eventualità ci turba, ecco che Gesù non esita a rivolgerci parole ancora più nette e forti. Citando un oracolo del profeta Michea, dice: «D’ora in poi in una casa di cinque persone si divideranno tre contro due e due contro tre: padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera» (cf. Mi 7,6). E commenta: «Non sono venuto a portare la pace sulla terra, ma la divisione» (Lc 12,51). Gesù Cristo è davvero «un segno che viene contraddetto» (cf. Lc 2,34), perché di fronte alle esigenze radicali da lui poste occorre prendere posizione; o si sceglie di vivere come lui ha vissuto, certi che in questo modo la propria vita è «salvata» già qui e poi per l’eternità, oppure si rifiuta la sua persona, magari continuando a dirsi cristiani: non esiste una terza possibilità! E anche la famiglia viene attraversata, come da una spada, dalla parola di Gesù che chiede un amore prioritario per lui, un amore capace di mettere al primo posto le esigenze del Regno (cf. Lc 14,25-26)…

Queste parole sono un monito a vivere con consapevolezza ogni giorno della nostra vita cristiana, cioè della nostra vita umana innestata in Cristo; ma potremo farlo solo se saremo capaci di riattizzare il fuoco acceso nei nostri cuori da Gesù Cristo, lottando con tutte le nostre forze perché non si spenga. Sì, in Gesù il Regno di Dio si è fatto vicinissimo (cf. Lc 10,9; 11,20), anzi è in mezzo a noi e in ciascuno di noi (cf. Lc 17,21)!

Enzo Bianchi