Àlzati, vieni qui in mezzo!

Non restare ai margini della comunità.

Dal Vangelo secondo Marco (3,1-6)

In quel tempo, Gesù entrò di nuovo nella sinagoga. Vi era lì un uomo che aveva una mano paralizzata, e stavano a vedere se lo guariva in giorno di sabato, per accusarlo.

Egli disse all’uomo che aveva la mano paralizzata: «Àlzati, vieni qui in mezzo!». Poi domandò loro: «È lecito in giorno di sabato fare del bene o fare del male, salvare una vita o ucciderla?». Ma essi tacevano. E guardandoli tutt’intorno con indignazione, rattristato per la durezza dei loro cuori, disse all’uomo: «Tendi la mano!». Egli la tese e la sua mano fu guarita.

E i farisei uscirono subito con gli erodiani e tennero consiglio contro di lui per farlo morire.

 

 

Non rimanere ai margini della comunità. Tutti hanno un posto centrale nella Chiesa, tutti possono svolgere un servizio. È un diritto che non viene concesso dai “primi della classe”, ma un dono che ci è stato fatto nel giorno del nostro battesimo quando siamo diventati membra del corpo di Cristo.

Se restiamo inoperosi, anche Cristo lo sarà. Chiedi oggi al Signore oggi che ti dia mani operose.

«Cristo non ha mani
ha soltanto le nostre mani
per fare oggi il suo lavoro.

Cristo non ha piedi
ha soltanto i nostri piedi
per guidare gli uomini sui suoi sentieri.

Cristo non ha labbra
ha soltanto le nostre labbra
per raccontare di sé agli uomini di oggi.

Cristo non ha mezzi
ha soltanto il nostro aiuto
per condurre gli uomini a sé oggi».
(autore anonimo)